Alpinismo

Monte Serezza, Spigolo NO. Un’aerea arrampicata in Val d’Ayas con vista Monte Rosa

  • by

Quando avevo iniziato a cercare la normale del Monte Serezza avevo trovato solo informazioni sul suo Spigolo Ovest – arrampicata classica e meritevole – che raggiungeva la croce di vetta e dando per scontato che la croce fosse in cima, il salire lo spigolo e scendere dalla via più facile (la normale) mi era sembrato il modo migliore per salire e raccontare questa cima…. Monte Serezza – Spigolo NO AVVICINAMENTO:… Leggi tutto »Monte Serezza, Spigolo NO. Un’aerea arrampicata in Val d’Ayas con vista Monte Rosa

Traversata dei Lyskamm. In bilico tra le cime del Monte Rosa.

  • by

Sottile, aerea, lunga, spettacolare… un lungo filo di neve ben oltre quota 4000, profilo unico che segna lo skyline del Monte Rosa. La cresta dei Lyskamm, possenti montagne al confine tra Italia e Svizzera, è da sempre considerata una delle più belle traversate delle Alpi con le sue sottili creste nevose, le grandi cornici, le forme ardite e il privilegiato panorama su tutte le cime circostanti. Nel nostro viaggio tra… Leggi tutto »Traversata dei Lyskamm. In bilico tra le cime del Monte Rosa.

Corno del Pallone e Ròthòre. Creste, nebbia e normali.

  • by

Ci sono giornate che non hai proprio voglia di uscire dal sacco a pelo. Sei stanco, svuotato, la motivazione è poca o nulla…. ti domandi veramente così ci fai lì a rincorrere normali dai nomi impronunciabili e dalle forme tutt’altro che accattivanti. Mi alzo così, con poca voglia e ancor meno spirito, e tra un biscotto e l’altro mi metto al computer con l’idea ormai di riposare e sfruttare la… Leggi tutto »Corno del Pallone e Ròthòre. Creste, nebbia e normali.

Cervino

Cervino: la conquista della Gran Becca

Alla metà del XIX secolo, il grande problema irrisolto del nascente alpinismo è senza dubbio il Cervino, la Grande Becca come viene chiamata dagli abitanti della Valtournanche. La verticalità e la severità della montagna incutono timore e rispetto e nello stesso tempo fomentano le ambizioni degli alpinisti, che sono consapevoli che il raggiungimento della vetta può cambiare loro la vita. Il primo a capire che la conquista della cima avrebbe… Leggi tutto »Cervino: la conquista della Gran Becca

freney

La tragedia del Freney 

Il nome dovrebbe richiamare al silenzio dei boschi e ai colori caldi dell’autunno, dato che Freney significa frassineto (bosco di frassini). Al contrario il toponimo è ormai indissolubilmente legato, nella memoria collettiva, non alla frazione e al bosco situati all’imbocco del Ghiacciao del Miage in Val Veny, ma al soprastante ghiacciaio e soprattutto agli eventi dell’estate del 1961, comunemente noti come “tragedia del Freney”. Nel luglio del 1961, Walter Bonatti decide… Leggi tutto »La tragedia del Freney 

Horace Bénédict de Saussure e la conquista del Monte Bianco 

Sancito scientificamente il primato del Monte Bianco e sostanzialmente terminata l’esplorazione “orizzontale” del pianeta, alla metà del XVIII secolo, la conquista della più elevata vetta alpina e della altre più importanti montagne delle catena, divengono una priorità a livello continentale per una minoranza, comunque importante, di intellettuali, scienziati, avventurieri, che diverranno la prima grande vere generazione di alpinisti. La figura trainante e fondamentale di questo movimento verticale, è senza dubbio… Leggi tutto »Horace Bénédict de Saussure e la conquista del Monte Bianco